Lo Studio Dentistico Bernini è specializzato nelle cure implantologiche e parodontali, oltre che in tutta l'odontoiatria e ortodonzia tradizionale e nelle ultimissime tecniche protesiche non invasive tramite le faccette in ceramica/resina tipo lumineers e nelle innovative metodiche ortodontiche estetiche tipo invisaling.
Il Dott.Bernini è particolarmente esperto nell'utilizzo della luce laser per la cura spesso senza alcun dolore di tutte la patologie del cavo orale.

La luce laser permette di:

- Curare le carie anche nei bambini in modo preciso e senza l'utilizzo dell'anestesia.

- Devitalizzare i denti senza dover spesso strumentare le radici dei denti e quindi senza indebolire il dente e alcune volte senza l'utilizzo dell'anestesia.

- Curare le malattie parodontali (parodontosi-piorrea) in maniera veloce, efficace e senza spesso bisogno di interventi chirurgici.

- Desensibilizzare i denti sensibili in maniera definitiva e spesso senza alcun dolore.

- Sbiancare i denti con risultati sorprendenti

- Curare gli herpes e le afte della bocca in tempi velocissimi.

- Evitare il rigonfiamento dopo gli interventi

- Favorire l’ osteointegrazione degli impianti dentali in titanio in tempi più veloci.

- Rigenerare in maniera efficace l'osso andato perduto nel cavo orale in associazione con tecniche chirurgiche dedicate laser - integrate.

- Eliminare spesso il dolore dovuto ad algie trigger point e dell'articolazione temporo mandibolare.

- Eseguire trattamenti estetici del viso peri-orali, quali fotoringiovanimento della pelle, dermoabrasione (peeling) cutanea, chiusura di piccoli vasi sanguigni, eliminazione di macchie cutanee, eliminazione di fibromi e nevi. Inoltre per mezzo dell’utilizzo della radiofrequenza si possono correggere inestetismi facciali e corporei e favorire il ringiovanimento cutaneo.

Lo studio del Dott. Raffaello Bernini fonda la sua metodica in un approccio psicologico cordiale e simpatico verso tutti i pazienti, siano essi adulti - più o meno anziani - o bambini più piccoli che, fin dai primi anni di vita, vengono curati e seguiti soprattutto in campo conservativo (prevenzione dalle carie) che in quello ortodontico ( individuazione di possibili malocclusioni - ereditarie e non - e cura delle stesse).
Per i pazienti più ansiosi e fobici del dentista, presso lo Studio Bernini si pratica una sedazione cosciente farmacologica che permette al paziente di poter affrontare con tutta tranquillità anche le cure ritenute complesse senza alcun disturbo ne fastidio.
Oltre alla paradontologia e all’implantologia, negli anni il Dott.Bernini ha approfondito studi più specifici sulla “rigenerazione tissutale guidata dell’osso” e sulla “distrazione ossea in odontostomatologia”, oltre che sui “filler”, tecniche di impianto negli inestetismi del viso. Attraverso questa tecnica estetica è possibile restituire volume a quei tessuti cutanei che nel tempo hanno perso vigore.
Oggi quindi lo Studio Dentistico Bernini è in grado di fornire anche terapie estetiche e di effettuare rimodellamenti estetici delle labbra con acido ialuronico.
Macchinari e tecnologie modernissime, apparecchiature di ultima generazione:radiografie endorali e panoramico digitali a basso dosaggio, laser, radiofrequenza, idonee a curare i pazienti nel miglior modo possibile, sistemi all'avanguardia nell'impiego di tecniche e metodiche che consentono spesso la totale assenza di dolore, fanno dello Studio Odontoiatrico di Verona del Dott. Raffaello Bernini un sicuro punto di riferimento per un'odontoiatria d'elite.

TERAPIE ODONTOIATRICHE SPESSO SENZA DOLORE CON IL LASER

Il LASER nel cavo orale, può essere utilizzato per trattare le patologie dei Tessuti Duri (denti e osso), quelle dei Tessuti Molli (gengive, labbra, guance) e per la Biostimolazione.

LE APPLICAZIONI SUI TESSUTI DURI
LE APPLICAZIONI SUI TESSUTI MOLLI
BIOSTIMOLAZIONE

Il LASER utilizzato per il trattamento dei tessuti duri ha una lunghezza d’onda assorbita prevalentemente dall’acqua. Per cui viene applicato nelle terapie dei tessuti ricchi di acqua che, nel cavo orale, sono i denti e l’osso.

I TRATTAMENTI DEI TESSUTI DURI

DESENSIBILIZZAZIONE DENTINALE

La sensibilità dentinale compare quando il dente non è più protetto dallo smalto o dalla gengiva e quindi gli stimoli termici (bevande fredde) o gli stimoli meccanici (spazzolamento dentale) attraversando i tubuli dentinali presenti nella dentina, arrivano direttamente alla polpa (nervo) e determinano l' IPERSENSIBILTA' DENTINALE. L'ipersensibilità dentinale si manifesta clinicamente sottoforma di sensibilità agli stimoli termici (freddo o caldo) come un gelato o una bevanda calda, oppure agli stimoli meccanici come lo spazzolamento. Le cause possono essere di tipo anatomico (anomalie dello smalto), di tipo patologico (traumi o abrasioni a livello dei colletti del dente) o in seguito a malattia parodontale. Sfruttando l’effetto fototermico del raggio laser si ottiene una fusione superficiale della componente proteica della dentina con conseguente chiusura fisica dei tubuli dentinali. In tal modo gli stimoli non hanno più la possibilità di attraversare la dentina per arrivare al nervo pulpare. Il risultato è più duraturo ed efficace rispetto all’applicazione delle varie vernici desensibilizzanti.

ABLAZIONE DELLA CARIE DENTALE

La dentina cariata, ricca di acqua, può essere asportata con il LASER ad ERBIO, la cui lunghezza d’onda è bene assorbita dall’acqua e dall’idrossiapatite.
L’energia elettromagnetica assorbita dalle molecole dell’acqua, trasformandosi in energia termica, porta la temperatura delle molecole dell’acqua oltre il punto di ebollizione. L’aumento della temperatura dell’acqua, che passa allo stato di vapore, causa un aumento di pressione e una serie di microesplosioni provocando la distruzione e la rimozione del tessuto carioso.
Il laser ad erbio quindi determina la formazione di crateri di vaporizzazione esplosiva, dando origine ad una vera e propria nuvola di ablazione dei tessuti duri dentali: smalto, dentina e tessuto carioso.
Le microesplosioni che si vengono a creare danno origine a delle onde acuistiche che entrano in risonanza con i legami di idrossiapatite del dente permettendo di disgregarli a levello molecolare ottenendo quindi la perforazione del dente ma spesso senza alcun dolore perché la velocità dell’impulso del raggio laser è più veloce della conduzione nocicettiva nervosa.
Sono diversi i VANTAGGI DEL TRATTAMENTO DELLA CARIE con il LASER ad ERBIO rispetto all’uso degli strumenti rotanti tradizionali, ossia la turbina (trapano):

ASSENZA DI RUMORE
ASSENZA DI VIBRAZIONE
SPESSO ASSENZA DI DOLORE - possibilità di evitare l’anestesia o di somministrarne minore quantità

MAGGIORE PRECISIONE, quindi più mirata nel vaporizzare il tessuto carioso senza danneggiare il restante tessuto sano del dente
POSSIBILITA' DI DECONTAMINARE LA DENTINA restante sfruttando l'effetto antibatterico evitando in talmodo eventuali recidive
COMPLICANZE POST-OPERATORIE (sensibilità) ridotte

Il laser ad Erbio vaporizza una superficie di 0,8 mm di diametro mentre la fresa rimuove tridimensionalmente una maggiore quantità di tessuto dentale.
Con il laser, la visibilità e il controllo della vaporizzazione del tessuto cariato sono migliori per cui l’ablazione è mirata al solo tessuto cariato senza invadere il tessuto sano circostante e sottostante.
Sfruttando la proprietà anti-batterica del laser è possibile mantenere lo strato di dentina sana assicurando la sua decontaminazione senza rischi di recidive cariose.

TERAPIA DEI CANALI RADICOLARI (DEVITALIZZAZIONI)

L'obiettivo del trattamento canalare consiste nel rimuovere il tessuto infetto per ottenere un canale radicolare privo di batteri per poi effettuare una otturazione tridimensionale più ermetica possibile.

La decontaminazione dei canali radicolari si ottiene attraverso le ripetute detersioni meccaniche, l'uso di diversi disinfettanti chimici e le medicazioni applicate tra le varie sedute.

Il raggio laser avendo una alta capacità antibatterica può rendere possibile una alta decontaminazione del canale radicolare già in seguito ad una singola seduta anche nei canali infetti da tempo.

Inoltre con le più recenti tecniche per mezzo dei nuovi inserti in zaffiro e quarzo di punte “Pips” del laser ad erbio si riescono ad effettuare le devitalizzazioni non strumentando i canali radicolari e quindi indebolendo il dente pochissimo rispetto alle tecniche tradizionali e talvolta con poca o adirittura senza l’uso dell’anestesia.

TERAPIA DEI DENTI DA LATTE

Valgono le stesse cose dette per la cura delle carie degli adulti, inoltre si possono effettuare gli scappucciamenti di dentini inclusi nell’osso e le frenulectomie nei bambini in maniera veloce spesso senza dolore senza il bisogno di anestesia ne punti di sutura.

SBIANCAMENTO DENTALE

Il colore dei denti è l’espressione più importante della salute e della bellezza di denti e della bocca.
Denti ingialliti, macchiati e scuriti vengono immediatamente notati.
Spesso è possibile migliorare il sorriso, dal punto di vista estetico, rendendolo più attraente con procedure odontoiatriche semplici e veloci, quale lo sbiancamento dentale, e la tecnologia laser può essere di grande aiuto nell’accelerare tali procedure ottenendo risultati migliori e affidabili nel tempo.
Lo sbiancamento dentale comprende l’insieme dei prodotti, processi o procedure la cui azione porta un dente ad apparire più bianco nel colore rispetto al suo colore originale.
La tecnica di sbiancamento laser prevede l’applicazione sulla superficie esterna del dente (sullo smalto) di sostanze ossidanti che successivamente vengono attivate dalla luce LASER.
Il raggio potenzia l’efficacia ossidante delle sostanze utilizzate attraverso un fenomeno fototermico.
I VANTAGGI DELLO SBIANCAMENTO LASER sono fra l’altro:
RISULTATI ECCELLENTI GIA' DALLA PRIMA SEDUTA
TRATTAMENTO RAPIDO ED INDOLORE
RISULTATI DURATURI NEL TEMPO
OTTIMO CONTROLLO DELLA TECNICA
TRATTAMENTO EFFICACE NELLA GRAN PARTE DELLE DISCROMIE
Le sostanze ossidanti se vengono utilizzate in una concentrazione adeguata, applicate dal professionista il tempo necessario ad agire con l’energia laser adeguata, non danneggiano lo smalto dei denti.
Utilizzando in modo non adeguato come tutti i materiali possono avere degli effetti collaterali. Particolare attenzione va data alla frequenza di ripetizione delle sedute.
Una maggiore attenzione va data nell’applicare la sostanza sbiancante solamente sullo smalto e non sulla dentina dei denti vitali o sui margini gengivali.

IMPLANTOLOGIA

Assistendo l’implantologia convenzionale con il laser ad erbio, decontaminando il sito impiantare prima dell’inserimento dell’impianto, possiamo ottenere i seguenti VANTAGGI:
MINORI COMPLICAZIONI INFETTIVE POSTOPERATORIE
MINORE GONFIORE POSTOPERATORIO
SPESSO ASSENZA DI DOLORE POSTOPERATORIO
ACCELERAZIONE DEI PROCESSI DI GUARIGIONE
RIDUZIONE DEI TRATTAMENTI FARMACOLOGICI POSTINTERVENTO

CHIRURGIA OSSEA (APICECTOMIE)

Uno degli interventi di chirurgia ossea più frequenti è l’apicectomia e consiste nella rimozione chirurgica dell'apice radicolare di un dente e dei tessuti molli circostanti affetti da condizioni patologiche.
L'intervento di apicectomia si effettua per trattare ascessi e granulomi nel caso in cui esiste l'impossibilità di un trattamento canalare attraverso il dente.
Effettuando l’intervento con il laser ad erbio abbiamo NUMEROSI VANTAGGI:
INTERVENTO MINIMAMENTE INVASIVO
POSSIBILITA' DI ESSERE PIU' MIRATI E CONSERVATI NELL'ASPORTAZIONE DEI TESSUTI AFFETTI
MAGGIOR POSSIBILITA' DI DECONTAMINARE I TESSUTI TRATTATI
POSSIBILITA' DI ACCELERARE I PROCESSI DI GUARIGIONE
MINOR TRAUMA AI TESSUTO TRATTATI
Di conseguenza il paziente ha un miglior percorso postoperatorio:
MINOR GONFIORE
MINOR DOLORE
MINORE ASSUNZIONE DI FARMACI ANTIDOLORIFICI E ANTIBIOTICI
VELOCE RECUPERO DELLE ATTIVITÀ QUOTIDIANA

I TRATTAMENTI DEI TESSUTI MOLLI

MALATTIA PARODONTALE

La malattia paradontale è una patologia multifattoriale in cui la causa batterica è spesso la più importante.
Lo scopo della terapia è ridurre o sopprimere la carica batterica responsabile di tutte le manifestazioni e i risultati di questa malattia.
Il controllo della placca batterica può essere eseguito con la strumentazione meccanica e l’ausilio di farmaci applicati localmente o somministrati per via sistemica.
La capacità battericida del fascio della luce laser può aiutare nella riduzione e nel controllo della placca batterica, specialmente quella sottogengivale così difficile da controllare.
I vantaggi della terapia gengivale laser assistita consistono in una cura priva di sanguinamento, nell’assenza di disturbi post-operatori come gonfiore o dolore e in una accelerazione dei processi di guarigione. Tale terapia viene eseguita senza ricorrere all’uso dell’anestesia.

CHIRURGIA PARADONTALE E ORALE

L'utilizzo del laser nella chirurgia orale segue tutti i requisiti di una chirurgia minimamente invasiva:
E’ una tecnica minimamente invasiva;
No touch surgery: chirurgia a distanza, non a contatto;
L'incisione è di piccola dimensione;
Non necessità di altra strumentazione;
Traumatizza minimamente i tessuti trattati;
Possibilità di trattare piccolissime aree di tessuto;
Viene effettuata con una ridotta quantità di anestetico;
Eseguita in assenza di sanguinamento;
Decontamina il sito chirurgico durante il trattamento;
Il campo operatorio è molto ristretto e coinvolge i soli tessuti da trattare(non danneggia i tessuti circostanti);
Non necessita di suture;
I tempi operatori sono notevolmente ridotti.
Come risultato, i vantaggi di tale chirurgia che significa effettivamente meno chirurgia sono diversi:
Assenza di complicazioni infettive post-operatorie;
Assenza di infiammazione post-operatoria (assenza di gonfiore);
Minor dolore post-operatorio;
Migliore cicatricatrizzazione dei tessuti;
Nessuna retrazione tessutale;
Possibilità di evitare l’assunzione di antibiotici;
Tempi ridotti di guarigione tessutale;
Minimal disconfort post-operator (nessuna interruzione della propria attività)

PATOLOGIA E MEDICINA ORALE (Herpes, Afta)

(Herpes, Afta, Liche Planus)


HERPES SIMPLEX


La famiglia degli herpes viridae si compone di tre sotto famiglie. La prima, quella degli alfa herpes virinae, comprende i virus herpes simplex 1 e 2 e il virus varicella-zoster. L’herpes Simplex 1 può avere una localizzazione labiale o sulla cute perilabiale o sulla mucosa orale.


La patologia si manifesta inizialmente con sensazione di bruciore o di prurito alle labbra e nell’area circostante, poi compaiono bollicine o vesciche che cicatrizzano lentamente. Le lesioni hanno una durata di 8-10 giorni.


La modalità con cui il virus si ripresenta dipende dagli elementi di rischio e dai fattori scatenanti:
Stress nervoso
Infezioni febbrili
Esposizione ai raggi solari
Freddo improvviso o l’eccessivo caldo
Per le donne durante il ciclo mestruale, o la gravidanza
Trauma locale (cure odontoiatriche)
Trattamento protratto con farmaci che indeboliscono il sistema immunitario
Malattie che, influenzano negativamente l’attività del nostro apparato difensivo


La lesione é generalmente unica, sotto forma di una chiazza eritemato-edematosa di modeste dimensioni, che in breve tempo si ricopre di vescicole tese, emisferiche, del diametro di 2-3 millimetri , raccolte a grappolo. Il contenuto è inizialmente limpido, poi si fa torbido. La confluenza di più vescicole può dar luogo ad una lesione simil-bollosa che, nel corso di una settimana, si rompono con evoluzione in croste.


IL TRATTAMENTO LASER:
E’ molto efficace soprattutto durante la fase del prurito o quella bollosa
Il fastidio e il dolore spesso scompaiono immediatamente dopo il trattamento
Il fascio laser riduce o elimina i virus presenti localmente
Le lesioni passano subito alla fase finale delle crosticine e guariscono in due o tre giorni

BIOSTIMOLAZIONE

BIOSTIMOLAZIONE

L'irraggiamento laser a bassa potenza è utilizzato per incrementare i processi di riparazione e difesa tessutale e per trattare e ridurre l’intensità e la durata del dolore. Può essere utilizzato in patologie di origine infiammatoria, per la terapia analgesica, per accelerare o migliorare i processi di guarigione, per il trattamento dei disturbi dell’Articolazione Temporo-Mandibolare e in Posturologia.
Inoltre la luce laser è molto efficace nella prevenzione e nella cura delle complicanze nel cavo orale di tutte quelle mucosità spesso molto dolorose a cui vanno talvolta incontro ai pazienti che sono in cura con i bifosfonati (pazienti in chemioterapia post-tumorale o affetti da osteoporosi)